Riabilitazione | Fisiopro

Riabilitazione

Recupero motorio e delle disabilità dopo intervento o infortunio

Secondo la definizione dell’OMS (Organizzazione mondiale della sanità) la riabilitazione è un insieme di misure/strumenti che assistono gli individui che hanno esperienza o hanno probabilità di avere esperienza di disabilità, per raggiungere e mantenere il funzionamento ottimale e l’interazione con il loro ambiente.

L’obiettivo di una buona riabilitazione è quindi quello di individuare la disabilità della persona e riuscire a risolverla tramite un programma riabilitativo personalizzato.

Il sistema attualmente in uso da parte dell’OMS per la valutazione della salute e della disabilità è quello dell’ICF (International Classification of Functioning, Disability and Health), che è suddiviso in 2 parti:

  • I fattori riguardanti la funzionalità e la disabilità, quindi le funzionalità e le strutture corporee e il livello di attività e partecipazione della persona.
  • I fattori contestuali, che racchiudono al loro interno i fattori ambientali e personali.

I pilastri che quindi stanno alla base della condizione di salute e che sono in stretta correlazione tra di loro sono 3: la menomazione, la disabilità e la partecipazione.

Tutti questi fattori sono quelli che, se analizzati e valutati correttamente, garantiscono che la riabilitazione venga fatta in maniera personalizzata in un’ottica biopsicosociale, che rappresenta un punto di unione tra i modelli che erano stati utilizzati fino ad oggi:

  • Modello biologico: è il substrato anatomico, strutturale, molecolare della malattia.
  • Modello psicologico: fattori psicodinamici, motivazioni, personalità sull’esperienza di malattia e le reazioni agli stress da essa prodotti.
  • Modello sociale: aspetti familiari e socioculturali che incidono sulla malattia.

Riabilitazione ortopedica

Cos'è?

È la branca riabilitativa che si occupa delle problematiche ortopediche, quindi soprattutto dei traumi, degli interventi chirurgici e dei problemi muscolo-scheletrici.

L’obiettivo della riabilitazione ortopedica è quello, in seguito ad una accurata valutazione, di ripristinare la disabilità della persona in tutti i suoi aspetti, a partire dalle menomazioni anatomiche e strutturali, consentendo alla persone di recuperare gradualmente la propria indipendenza funzionale e il corretto rapporto di partecipazione con l’ambiente esterno.

Il processo sarà diverso a seconda della patologia e della persona che deve essere riabilitata.

Il nostro metodo è strutturato in 10 fasi per consentirci di valutare attentamente tutti gli aspetti riabilitativi e consentirci di affrontarli nella maniera più completa ed efficace possibile e garantendo quindi un percorso INDIVIDUALIZZATO.

Perchè? Perchè solo grazie a questa interazione è possibile sfodare il protocollo e attuare un percorso personalizzato più rapido ed efficace.

Inoltre, la nostra metodologia unisce le più recenti innovazioni di terapia strumentale all’esperienza manuale dei nostri operatori, per ottenere i risultati migliori in tempi più ristretti.

Specialisti

Pietro Graziani

Fisioterapista, Terapista manuale

Francesco Paperini

Fisioterapista, Posturologo, Osteopata

Giulia Petracchi

Podologa

Sandro Giobbi

Fisioterapista, Chinesiologo, Osteopata

Riabilitazione neurologica

Cos'è?

È la branca riabilitativa che si occupa delle patologie neurologiche.

L’obiettivo primario della riabilitazione neurologica è quello di simolare l’autoguarigione e, in più, di trovare le modalità adattative migliori per garantire il più alto livello di funzionalità e partecipazione possibile, laddove non è possibile un recupero ad integrum.

Anche in questo caso, come sempre, il piano riabilitativo sarà individualizzato a seconda della patologia e a seconda dei principali problemi da essa causati: è importante infatti contestualizzare le menomazioni presenti nella vita della persona assistita, considerando quindi il suo ambiente domestico, familiare e lavorativo.

Data l’importante varietà delle problematiche neurologiche, la riabilitazione si occupa di un ventaglio di problematiche molto diverse tra di loro, a partire da problematiche organiche (respiratorie, escretorie…), passando per problematiche riguardanti le attività della vita quotidiana come lavarsi, vestirsi, mangiare… fino ad arrivare alle problematiche di deambulazione e molte altre.

Anche il dolore può essere una menomazione importante in alcune patologie neurologiche, per questo la sua gestione rappresenta un aspetto importante per garantire una migliore qualità di vita.

Specialisti

Pietro Graziani

Fisioterapista, Terapista manuale

Riabilitazione sportiva

Cos'è?

È la branca della riabilitazione che si occupa della persona sportiva, amatoriale o professionista.

L’obiettivo della riabilitazione sportiva è quello di rendere l’atleta in grado di ottenere il miglior stato di forma possibile, accorciando il più possibile il tempo di recupero post-infortunio ma soprattutto cercando di prevenire, laddove possibile, l’insorgenza di nuovi disturbi che possono  interferire con l’attività sportiva.

Come già detto, la riabilitazione sportiva riguarda atleti di tutti i livelli. Infatti, nel caso di sportivi amatoriali, il primo passo sarà quello di una guida all’attività fisica svolta in maniera corretta e sicura.

L’atleta e quindi valutato e trattato a 360 gradi, utilizzando ancora una volta il nostro metodo a 10 fasi e le migliori tecnologie, che unite alle conoscenze teoriche e pratiche dei nostri operatori consentono di ridurre le tempistiche di recupero accompagnando l’atleta fino al ritorno in campo.

Specialisti

Sandro Giobbi

Fisioterapista, Chinesiologo, Osteopata

Pietro Graziani

Fisioterapista, Terapista manuale

Francesco Paperini

Fisioterapista, Posturologo, Osteopata

Riabilitazione motoria

Cos'è?

Si integra all’interno della riabilitazione ortopedica.

Il suo obiettivo principale è infatti quello di reintegrare il corretto ROM (range of motion) articolare associato ad un rinforzo muscolare ed esercizi di controllo neuromuscolare per garantire il ritorno nelle condizioni più ottimali alla funzione.

Le strategie utilizzate nella riabilitazione motoria sono molteplici e vanno da trattamenti manuali effettuati dal fisioterapista per stimolare un recupero più veloce, fino ad arrivare ad esercizi specifici per lavorare sul rinforzo, resistenza, velocità, equilibrio e controllo motorio di una determinata parte del corpo.

 

Quando l’esercio diventa terapia e cura?

Grazie ad un test si valuta la mobilità o meglio il range articolare passivo, attivo e funzionale, che viene utilizzato per identificare aree di disfunzione e dolore del movimento e distinguere la disfunzione per limitazione di articolarità rispetto alla disfunzione per mancato controllo motorio.

La disfunzione articolare sarà trattata con manualità adeguate mentre quelle motorie con un approccio chinesiologico.

E’ fondamentale sottolineare come la risoluzione del problema articolare tramite le manualità fisioterapiche non comporta un miglioramento del controllo motorio; quest’ultimo andrà integrato e sviluppato con l’esercizio terapeutico e fisico. Il lavoro non è infatti a compartimenti stagni, ma bensì integrati per un unico obiettivo che pone la persona nella sua globalità al primo posto.

 

Che cos’è l’esercizio terapeutico?

È l’esecuzione di movimenti, posture e attività intese a consentire al paziente di:

  • porre rimedio o prevenire danni alle funzioni e alle strutture del corpo;
  • migliorare le attività sia nella vita quotidiana che nello sport;
  • prevenire o ridurre il rischio di problematiche legate alla salute;
  • ottimizzare la salute generale, la forma fisica e il senso di benessere.

L’esercizio terapeutico rappresentai il “farmaco” a disposizione del fisioterapista, che ne definisce la “posologia” e la specificità a secondo della problematica del paziente.

L’esercizio terapeutico ha lo scopo di ripristinare un corretto gesto motorio in un contesto funzionale attraverso il movimento stesso, che diviene dunque il mezzo e il fine della proposta fisioterapica. Gli esercizi a disposizione del professionista sono molteplici e riguardano:

  • Respirazione
  • Forza, potenza, resistenza e agilità
  • Condizionamento aerobico
  • Controllo posturale e stabilizzazione
  • Rilassamento
  • Propriocettività
  • Controllo neuromuscolare
  • Equilibrio
  • Allungamento e mobilizzazione
  • Allenamento per compiti funzionali specifici

Il fisioterapista ha, quindi, un ruolo fondamentale nel creare un programma personalizzato per il paziente, adeguato alle sue capacità e condizioni di salute psicofisica. Deve aiutare il paziente a metterlo in pratica, controllando che l’esatta esecuzione dei movimenti sia svolta correttamente in termini di intensità, velocità, durata e fase di recupero, in un ambiente sicuro e con spazi adeguati. Deve educare il paziente al dolore, per far si che aumenti la consapevolezza delle proprie capacità, alimentando la sicurezza fisica, psicologica e sociale per essere autonomo nelle attività quotidiane, lavorative e sportive.

Moltissimi studi scientifici affermano l’effetto analgesico dell’esercizio terapeutico , in quanto è dimostrata la sua capacità di attivare il SISTEMA INIBITORIO DISCENDENTE del Sistema Nervoso Centrale.

L’esercizio terapeutico viene quindi raccomandato in tutte le condizioni cliniche disfunzionali trattate conservativamente, nelle fasi sub-acute della riabilitazione post- chirugica e post-traumatica, nella riabilitazione geriatrica, nella riabilitazione sportiva e nel trattamento tissutale delle lesioni muscolari e delle tendinopatie.

Specialisti

Marco Vagelli

Fisioterapista

Riabilitazione posturale/propriocettiva

Cos'è?

Si occupa della postura e di come questa influenza l’individuo nelle proprie funzioni ed attività.

La riabilitazione posturale origina da una valutazione che analizza in toto la persona valutandone la congruità dei punti di repere e l’interazione con i recettori (occhi, bocca, piedi e visceri) relazionando poi il tutto allattività sportiva o lavorativa del soggetto in analisi. Esistono infatti quelle che vengono chiamate alterazioni funzionali, ovvero che permettono di svolgere una determinata attività in modo migliore e con minor dispendio di energia da parte del corpo.

Quando invece le alterazioni riscontrate non sono funzionali ed escono dal range di “normalità” o sono associate ad una sintomatologia, è importante andare ad effettuare una riabilitazione posturale.

All’interno del nostro centro sono presenti operatori perfezionati con master universitario in posturologia clinica e specializzati in RPG (rieducazione posturale globale).

Specialisti

Francesco Paperini

Fisioterapista, Posturologo, Osteopata

Teresa Bertelli

Fisioterapista, Posturologa

Riabilitazione nutrizionale

Cos'è?

Anche in questo caso, il nostro metodo prevede la collaborazione di più professionisti affrontare le situazioni di sovrappeso ed obesità, o tutte quelle situazioni di difficoltà collegate all’alimentazione e alla dieta.

Questo perché in molti caso le situazioni precedentemente citate sono condizioni multifattoriali che possono avere la necessità di essere analizzate da punti di vista differenti.

Per essere sicuri di svolgere un lavoro ben organizzato e che mantenga risultati duraturi nel tempo, dopo un’accurata valutazione, verranno messi in atto gli interventi del nutrizionista e del personal trainer con una dieta ed un programma di esercizio fisico personalizzati e, nei casi dove si renda necessario, di figure quali lo psicologo e l’osteopata.

Specialisti

Greta Iozzelli

Dietista

Riabilitazione psicologica

Cos'è?

In alcune situazioni la sintomatologia dolorosa muscolo-scheletrica può essere sostenuta o influenzata da una situazione di stress psicologico, di ansia o preoccupazione.

In questi casi, difficilmente una riabilitazione fisica può essere sufficiente a risolvere la sintomatologia, ma deve essere associato all’intervento dello psicologo.

Specialisti

Francesco Paperini

Fisioterapista, Posturologo, Osteopata

Riabilitazione cardio-vascolare

Cos'é?

La riabilitazione cardio-vascolare è riservata a tutte le persone che hanno o hanno avuto patologie di origine cardiovascolare.

Tipicamente si tratta di riabilitazione post infarto o post intervento chirurgico, ma può essere eseguita anche in pazienti con scompenso o altre problematiche cardiache.

La riabilitazione si basa su esercizio aerobico svolto monitorando attentamente i parametri vitali quali frequenza cardiaca, pressione, respirazione per garantire l’efficacia e la sicurezza del trattamento.

Specialisti

Sandro Giobbi

Fisioterapista, Chinesiologo, Osteopata

Riabilitazione respiratoria

Cos'è?

Si occupa di tutte le problematiche respiratorie, in particolare dei soggetti affetti da BPCO.

La riabilitazione consiste di tecniche manuali volte ad ottimizzare l’atto respiratorio e la pervietà delle vie aeree.

Per raggiungere questo obiettivo vengono svolti inoltre esercizi respiratori e attività aerobica attentamente monitorata.

Specialisti

Sandro Giobbi

Fisioterapista, Chinesiologo, Osteopata